CLOSE
Back To Top

Tutto sull’iPhone 5s

Non solo: come previsto, il telefono legge le impronte digitali. Touch ID è posizionato dentro il tasto Home ed è composto da un cristallo di zaffiro tagliato al laser e da un sensore touch. Quando l’utente appoggia il dito, Touch ID scatta una foto ad alta risoluzione dell’impronta e la analizza. Dai video mostrati nella presentazione, sembrerebbe che il sensore riconosca più dita della mano e sia abbastanza intelligente da leggere le impronte anche da diverse angolazioni. Usabilità a parte, Cook ha affrontato anche il fattore privacy:“L’informazione della vostra impronta non finirà da nessuna parte: su nessun software”. Quindi i dati della nostra impronta dovrebbero essere crittografati e restare chiusi dentro il chip A7. La paura che venisse archiviata in qualche cloud e poi venduta (o rubata) aveva generato alcune perplessità già prima della presentazione.

Migliorata sensibilmente anche la fotocamera iSight: apertura più ampia e luminosa, ora da f/2,2, un sensore più grande da 1,5micron pixel (per foto migliori in condizioni di scarsa luminosità) e flash con doppio LED, per bilanciare i colori. Il nuovo processore dovrebbe assicurare un miglioramento netto nella velocità di scatto, di stabilizzazione e di autofocus.

Anche iPhone 5s sarà disponibile in diversi modelli. Niente colori sgargianti, d’altronde si tratta del prodotto top di gamma: si potrà comprare oro, argento e grigio, o meglio grigio siderale, secondo la definizione di Apple. Anche in questo caso, 11 Paesi più fortunati lo avranno nei negozi il 20 settembre. Per gli altri appuntamento a dicembre. Prezzi annunciati (per ora solo per il mercato statunitense, con due anni di contratto): il 16GB a 199 dollari, il 32GB a 299 dollari, il 64GB a 399 dollari. Cover colorate anche per il 5s, a 39 dollari, in beige, nero, blu, marrone, giallo e rosso.

Sul sito Apple Francia i prezzi sono, rispettivamente, 699 euro, 799 euro e 899 euro.

 

Fonte: www.wired.it